Temporale Estivo

Temporale estivoSe i ricordi non si confondono, credo che fosse in prima media quando la professoressa d’italiano ci fece studiare questa poesia di Giacomo Zanella.
Da quella volta, ogni temporale estivo improvviso, quando dalla terra si solleva un leggero profumo di polvere inumidita, che il poeta descrive come:”lieve dal suolo
di spenta polve una fragranza esala” mi torna in mente questa poesia.

TEMPORALE ESTIVO

Il suo stridor sospeso ha la cicala:
la rondinella con obliquo volo
terra terra sen va: sul fumaiuolo
bianca colomba si pulisce l’ala.
Grossa, sonante qualche goccia cala,
che di pinte anitrelle allegro stuolo
evita con clamor: lieve dal suolo
di spenta polve una fragranza esala.
Scroscia la pioggia e contro il sol riluce,
come fili d’argento: il ruscel suona
che la villa circonda e par torrente,
sulle cui ripe a salti si conduce
lo scalzo fanciulletto ed abbandona
le sue flotte di carta alla corrente.

La natura attende la pioggia e gli animali la presagiscono: la cicala ha cessato il suo verso stridente e monotono, la rondine vola rasente al terreno, la colomba sul tetto si pulisce l’ala. Finalmente cadono le prime gocce che spaventano le anatre chiacchierone e sollevano dal terreno l’odore della polvere. La pioggia scrosTercia e brilla contro sole, come fili d’argento; il ruscello che circonda la villa mormora più forte e sembra un torrente sulle cui sponde va saltellando il ragazzino scalzo mentre abbandona alla corrente le sue barchette di carta.

Non sono stati trovati articoli correlati.

avatar

Fiorentino Izzo

Maresciallo Maggiore Aiutante della “Gendarmeria della Repubblica di San Marino” in pensione. Socio fondatore del Gruppo Artistico Culturale Indipendente "Il Cielo Capovolto" 

Lascia un commento