Glenn Ford

Glenn FordGlenn Ford, estate torrida del 1962 a Portofino. Nello stesso momento, nel bar della piazzetta, da dentro al Jukebox sistemato vicino al banco dei gelati Algida, Adriano Celentano ululava… Stai lontana da me.
Credo che quell’estate Glenn fosse a Portofino semplicemente per meditare. Meditare, fare il punto fra un bicchiere di whisky e le onde di Portofino…su quale relazione amorosa poter continuare. Il suo curriculum, non quello di attore, era piuttosto vasto e…pregiato. Moglie a parte (ovvio e giusto), si parla di una notte di fuoco con Marilyn Monroe, di sei mesi con Judy Garland e…?
Quando girò il famoso film “Gilda” assieme alla “stratosferica” Rita Hayworth, il boss della Columbia Harry Cohn, era follemente geloso di lei, tanto da tappezzare il suo camerino di microfoni nascosti, nel timore che tra lei e Glenn Ford potesse nascere una relazione. Solo più di quarant’anni dopo, in seguito alla morte della Hayworth, Ford confessò che la relazione c’era effettivamente stata all’epoca del film, quando lei era ancora ufficialmente sposata Con Orson Welles.
Orson Welles???
Oddiomio, Orson Welles???
Ora, cari frequentatori di Ricordopoli, capirete bene che vi è un certo imbarazzo fra gli organizzatori della “Mostra del Mostro”, il direttore della Biblioteca stessa ed addirittura il sindaco, nell’apprendere che domattina… Orson sarà proprio qui, alla Mostra del Mostro, come ospite esposto in bella mostra, appunto e scusate il bisticcio di parole.
Mi raccomando a voi: domattina non sono ammesse in nessun modo, battutine ironiche ed allusive, riguardanti eventuali “protuberanze” di Orson Welles. Lui è grande e grosso e se si accorge di qualcosa ci fa a pezzi.
Siete avvertiti.

avatar

Antonio

Socio fondatore del Gruppo Artistico Culturale Indipendente "Il Cielo Capovolto". Blogger e ideatore di "Ricordopoli - assedio di sinapsi". Ha pubblicato "Da Chienti a Tenna" per ilmiolibro.it. 

Lascia un commento