DIARIO CREATTIVO

4 febbraio 1984

Solitamente in sala parto le luci sono soffuse e la musica (generalmente classica) è a basso volume. Si cerca di creare un ambiente molto tranquillo perché almeno la prima impressione, di quando veniamo al mondo, sia la serenità. Avremo tutta una vita per renderci conto che quel clima ovattato della vita prenatale, non lo vivremo mai più.…

il giorno della memoria

Se questo è un uomo Voi che vivete sicuri nelle vostre tiepide case, voi che trovate tornando a sera il cibo caldo e visi amici Considerate se questo è un uomo che lavora nel fango che non conosce pace che lotta per mezzo pane che muore per un si o per un no. Considerate se…

la maschera

Devo dirvi la verità… ho dovuto indossare ancora una maschera per tornare a scrivervi… ho tolto il mio vero volto, ho persino modificato il tono della mia voce, indossato un costume e studiato il mio copione… Una sera un amico mi ha fatto notare che ci sono persone che nello scrivere sono schiette, dirette… ed…

gli esami non finiscono mai…

Guglielmo Speranza presenta al pubblico la rappresentazione della sua vita. Per indicare il trascorrere del tempo, si servirà di tre barbe posticce. L’azione inizia al conseguimento della laurea. Fidanzato con Gigliola, subisce l’interrogatorio dei futuri suoceri che pretendono da lui una carriera prestigiosa. Si sposa, ha due figli, ma la sua vita dipende sempre dalla…