ASSOCIATI

Iniziative, convenzioni e sconti riservate ai SOCI

A volte ritornano

a cura di Andrea Mauri

 

A 45 anni da quelle prime “Interviste Impossibili” che conquistarono il pubblico radiofonico – trasformandosi poi in veri e propri spettacoli teatrali e in letteratura tornano in auge gli incontri con i grandi personaggi del passato. Si parte con la surreale conversazione tra Telmo Pievani e Frankenstein.

Interpretato dall’attore Tommaso Ragno, volto noto della TV e del cinema, da anni appassionato e studioso della figura mostruosa creata dal genio di Mary Shelley, Frankenstein sarà intervistato dal filosofo delle scienze Telmo Piovani (Ordinario presso il Dipartimento di Biologia dell’Università degli studi di Padova) per un viaggio insolito nelle conquiste della genetica, affrontate attraverso la grande letteratura in una lettura-spettacolo in grado di far rivivere un personaggio tanto affascinante quanto radicato nell’immaginario collettivo mondiale.

A duecento anni dalla sua prima apparizione, Frankenstein, o meglio la sua Creatura, si sottopone non troppo pazientemente alle domande di un filosofo della scienza interessato a conoscere i segreti su come resuscitare la vita animale” ha spiegato Telmo Pievani. “In un remoto arcipelago artico che nasconde una sorta di arca di Noè del XXI secolo, il mostro più famoso del mondo, dopo le tante interpretazioni semiserie del suo personaggio, simbolo di una scienza che si spaventa delle sue possibilità più ardite, vorrebbe per una volta sottrarsi agli stereotipi. Mosso da curiosità assai umana, vuole sapere se l’avventura che lo ha assemblato al mondo sia contro-natura, imparare i segreti del Dna e capire finalmente a quale Darwin votarsi (se è vero che fu il nonno di Charles, con fama di galvanizzatore di lombrichi, a ispirare la giovane autrice del suo romanzo, Mary Shelley)”.

Sarà questo il primo capitolo di una serie di appuntamenti che si snoderanno lungo il 2018 con molte sorprese. Tanti personaggi noti del passato, che rivivranno grazie alle passioni degli uomini del presente.